Scopri cos’è e come raddrizzare il pene curvo

Ci sono varie maniere di chiamare il pene curvo, ma il termine medico corretto per definirlo è “sindrome di Peyronie” dal nome dello scienziato che l’ha definita la prima volta. È una malattia benigna che però spesso è dolorosa e fastidiosa e ancora più spesso porta l’uomo che ne soffre a isolarsi e a soffrire di grave depressione. Questo ad oggi è un problema che può e deve essere superato visto che c’è la soluzione per tutti coloro che cercano come raddrizzare il pene curvo. Quindi se anche tu hai un problema simile, metti da parte la depressione e continua a leggere.raddrizzare il pene curvo

Perché il pene diventa curvo?

Non sono ancora chiare le ragioni per cui il pene si incurvi in un determinato periodo della vita di un uomo. Non è escluso un fattore genetico, ma nonostante ci siano dei casi di bambini che presentano questa problematica, la maggior parte degli uomini colpiti hanno intorno ai 40 anni. Generalmente questa anomalia appare in seguito ad un trauma durante un rapporto sessuale, in seguito a forti urti, masturbazioni troppo brusche, piegamenti involontari violenti, ecc…

Si produce una sorta di cicatrice cheloide nel corpo cavernoso del pene. I cheloidi sono lesioni create da troppo tessuto cicatriziale che produce una durezza fibrotica, il che provoca questa strana incurvatura al pene. Di per sé, in posizione a riposo, il pene curvato non crea dolore e non è particolarmente evidente. Durante l’erezione però l’estensione della pelle avviene solo da una parte, mentre l’altra non riesce a distendersi. Quindi il pene rimane piegato e il dolore può essere anche molto fastidioso.

Una semplice visita medica, con un eventuale successiva ecografia, può essere sufficiente per rilevare le placche dure della pelle che impediscono l’erezione normale. Da lì inizierà la fase più “facile”: scoprire come raddrizzare il pene curvo.

Come raddrizzare il pene curvo – curare la sindrome di Peyronie

Ci sono casi estremi in cui gli uomini non riescono ad avere una vita normale per il dolore durante l’erezione e l’impossibilità di avere normali rapporti sessuali. Quindi scoprire come raddrizzare il pene curvo li porterà probabilmente solo dal chirurgo plastico, che con un intervento può trovare rimedio in breve tempo.

A chi ha la possibilità però di aspettare è consigliato evitare questa soluzione comunque invasiva e scegliere i metodi naturali per recuperare la giusta elasticità e mandar via le placche indurite della pelle.

Il miglior modo per risolvere questo fastidioso problema è tramite i massaggi, la vitamina E e molta pazienza, visto che ci vorrà un po’ di tempo. La buona notizia è che i massaggi per raddrizzare il pene sono gli stessi utilizzati per allungarlo, quindi… due piccioni con una fava!

Come raddrizzare il pene curvo con gli esercizi: prima di iniziare

Prima di iniziare con gli esercizi, è bene fare qualche precisazione. Se mentre li fai senti più dolore del normale, smetti di farli per qualche giorno e poi iniziali di nuovo. Devi capire che stai facendo questo tipo di movimento perché la pelle ha delle placche cicatriziali, quindi potrebbero verificarsi gonfiori, fastidi, ecc… Tutto rientra nella norma, visto che il massaggio deve essere anche un po’ energico. Sopporta un po’, ma se il dolore è troppo forte, fermati e aspetta qualche giorno.

Considera di fare una buona scorta di olio di Argan, visto che ha un buon apporto di vitamina E, o anche olio di mandorle. Assicurati che siano prodotti puri o comunque di origine controllata, perché sul mercato si trovano anche molti finti prodotti con piccole quantità di composto utile al tuo scopo.

Una volta scoperto come raddrizzare il pene curvo, potresti farti prendere dalla bramosia per vedere i risultati. Cerca di avere pazienza e fai gli esercizi un giorno si e uno no, mantenendo costanza. I risultati arriveranno con il tempo, quindi armati di pazienza e mantieni il più possibile un atteggiamento positivo.

Crema dell’ingrandimento del pene: quale è veramente efficace?

Tra le tante recensioni che si leggono, recentemente ne circolano alcune su metodi e tecniche per aumentare la dimensione del membro maschile. Ultimamente mi sono informato particolarmente su una crema dell’ingrandimento del pene, a base ormonale (testosterone e DHT).

Tendenzialmente quando si leggono queste cose si possono avere due reazioni: da un parte si viene colti dall’impulsività e si vorrebbe correre a comprare anche solo per curiosità, dall’altra parte invece viene da ridere, non credendo ai risultati che le varie pubblicità dicono di dare.Crema dell’ingrandimento del pene

Cosa contiene e come funziona una crema dell’ingrandimento del pene?

La prima cosa che si nota, quando si cerca una crema dell’ingrandimento del pene, è di qualsiasi marca siano quasi nessuna richiede una prescrizione medica. E questo dovrebbe voler dire due cose, 1) è naturale 2) non ha particolari controindicazioni. A dire il vero nessuna delle due affermazioni è confermabile. Si perché non è detto che un prodotto solo perché non richiede ricetta sia naturale. E non è nemmeno detto che non ci siano controindicazioni, visto che anche le cose naturali possono dare allergie o irritazioni.

A grandi linee le creme che ho analizzato sono comunque tutte molto simili e contengono DHT e testosterone. Durante la pubertà è proprio grazie a questi due ormoni che il tuo pene è cresciuto. Applicando sul pene una crema che li contiene i ricettori di detta zona ricevono gli ormoni direttamente e questo influisce sulla crescita del membro.

Vediamo i risultati che sono però piuttosto confusi. Ci sono uomini che hanno confermato che la crema dell’ingrandimento del pene è efficace e che hanno ottenuto la crescita sperata. Quasi tutti però combinano la crema con gli esercizi. La maggior parte degli uomini però non ha avuto miglioramenti né crescita evidente.

L’unico studio scientifico effettucomprar crema dell'ingrandimento del peneato con una crema dell’ingrandimento del pene è stato realizzato con uomini con membri sotto la media, che ebbero effettivamente una buona crescita. Ho letto di recente un paragone interessante: Lionel Messi si è sottoposto a una terapia per crescere in altezza per riuscire a guadagnare qualche centimetro. Questo però non vuol dire che chiunque si sottopone allo stesso intervento, può avere lo stesso risultato. Questo perché se non si sono avuti problemi di crescita di tipo ormonale, probabilmente la crescita potenziale sarà inferiore a quella di Messi.

È probabilmente un discorso di genetica, oltre a una certa grandezza, il pene non può arrivare, esattamente come l’altezza. La soluzione definitiva è probabilmente la chirurgia, ma è il caso di compromettere le proprie funzioni per qualche centimetro in più?

Gli effetti collaterali delle creme

Queste creme non sono tutte uguali. La maggior parte contengono come detto ormoni che vengono assorbiti dalla pelle per poi finire nella circolazione sanguigna. È un modo artificiale per alterare gli ormoni che potrebbe portare a una riduzione della produzione naturale del corpo con i conseguenti effetti collaterali anche seri (la riduzione testicolare, per esempio, ma anche la calvizia e i problemi alla prostata). Ci possono essere anche eruzioni cutanee, irritazioni, bruciori, ecc…

Quindi quanto vale la pena rischiare senza prima conoscere il prodotto da usare sul proprio pene? Io non rischierei mai di andare a tentativi, ma cercherei una soluzione meno pericolosa.

La migliore crema dell’ingrandimento del pene

La migliore cosa che sono riuscito a scoprire è una crema dell’ingrandimento del pene che non contiene ormoni, ma che stimola la loro produzione naturale. In questo modo oltre ad avere un incremento di dimensioni, si migliorano le prestazioni e anche la durata delle erezioni. Tra i tanti nomi in circolazione il più famoso sul mercato attualmente è il Titan gel. Un prodotto naturale al 100% che non ha effetti collaterali e che viene consigliato in diversi gruppi e social network.

Dimensioni del pene intorno al mondo: scopri gli standard mondiali

Dimensioni del pene, davvero non contano? Abbiamo fatto il giro del mondo per cercare di scoprire se la grandezza del membro davvero conta o se è solo qualcosa che fa parte dell’ego maschile.

Iniziamo dicendo che i tedeschi sono coloro che fanno più operazioni per allungare il loro pene, seguiti dai venezuelani e dagli spagnoli. Se si sente infradotato provi Titan Gel.  Questo potrebbe indicare quindi che hanno il membro più piccolo rispetto alle altre popolazioni, ma non è così. Quello che è sicuro è che sono i tre paesi in cui più ci si preoccupa delle dimensioni del pene e per questo si cercano rimedi. Ma vediamo in dettaglio i risultati a giro per il mondo…Dimensioni del pene

Dimensioni pene nel mondo: la pole position va a…

Probabilmente qualcuno se lo aspetta, ma è comunque giusto mettere in cima al podio chi se lo merita. Le dimensioni del pene in pole position davanti a tutto al mondo sono quelle del Congo, con quasi 18 centimetri di virilità media. Sorprendono invece il secondo e il terzo posto, entrambi occupati dal Sud America (rispettivamente il Venezuela con quasi 17 cm e la Colombia con oltre 16,50 cm).

Immagino che tutti sarete curiosi di sapere come si piazzano gli italiani. Niente sorprese per i nostri uomini che si piazzano al settimo posto con 15,74cm di media virile nazionale. Siamo posizionati dopo i francesi e prima degli egiziani. Non male, no?

Ma vale la pena essere orgogliosi per trovarsi tra le medie più alte di dimensioni del pene? Può significare che siamo tra i migliori amatori al mondo? Sembra proprio di no, perché almeno che non ci siano dei problemi di origine diversa, le dimensioni per le donne non contano più di tanto. O almeno non sono l’unica cosa importante in un rapporto sessuale.

Contano infatti il modo di fare, la sicurezza in se stessi, l’amore, il savoir faire, il sapersi divertire, l’altruismo… Se si tratta solo di centimetri in più, ma manca tutto il resto allora non vale la pena avere un membro enorme perché probabilmente una donna sarà comunque insoddisfatta.

Consigli che vanno oltre le dimensioni del pene

dimensioni del pene al mondoAvere fantasia e saperci fare sono altre due cose che contano per far funzionare un rapporto sessuale. Se anche le dimensioni del pene non sono le migliori, ci sono per esempio posizioni che possono aiutare a fare scintille a letto. Tra le tante, sembra che in quelle dove la donna tiene le gambe più aperte siano le più favorevoli per chi ha problemi in questo senso.

Anche la forma del pene sembra influire sulla prestazione sessuale e sul piacere da dare alla partner. Ci sono infatti delle posture più adeguate ad un pene più stretto e altre più adatte a uno più largo.

Quindi prima ci sono tante cose di cui preoccuparsi oltre alle dimensioni del pene che solo nel complesso possono fare la differenza tra una buona e una cattiva prestazione sessuale.

E quando invece ci sono problemi veri?

Nella maggioranza dei casi gli ipotetici problemi legati alle dimensioni si risolvono cambiando il proprio atteggiamento durante il rapporto sessuale. Quando però ci sono veri problemi, con un pene che è ben al di sotto della media, può essere il caso rivolgersi ad uno specialista per trovare un metodo di allungamento del membro.

Probabilmente non ci sarà bisogno di operazioni e interventi particolari. Serviranno però tempo e dedizione per fare in modo che creme, integratori ed esercizi appositi possano migliorare una situazione di partenza scoraggiante, ma che può invece cambiare nel giro di pochi mesi. Non importa da che parte del mondo sei, le dimensioni del pene sono un problema spesso sciocco che si risolve facilmente. Quindi butta il metro e cerca un modo per essere soddisfatto tu e anche la tua partner. Sarà più semplice del previsto!

6 consigli per avere un’erezione più duratura

I problemi di peso, di stress e depressione, oltre anche a quelli di salute sono tra le cause più comuni tra le disfunzioni sessuali degli uomini. L’impotenza o la disfunzione erettile sono disturbi che provocano l’incapacità di non avere un’erezione, ma si considera dello stesso tipo anche l’impossibilità di poterla mantenere per il tempo dell’atto sessuale. Fortunatamente ci sono alcuni cambiamenti nel proprio stile di vita che possono fare la differenza. Noi in questo articolo, ti daremo 6 consigli per avere un’erezione più duratura.   Se ti preoccupano le dimensioni prova Titan Gel.Erezione più duratura

Perché non si riesce ad avere un’erezione ‘normale’?

Una piccola premessa è d’obbligo, visto che sapere l’origine del proprio disturbo aiuta a trovare la migliore soluzione per il proprio caso. I motivi per cui non si riesce a mantenere un’erezione per il tempo considerato ‘normale’ per un rapporto sessuale completo, possono essere di varia origine.

La causa più comune è di tipo vascolare (e di solito colpisce gli uomini dopo una certa età). La seconda causa è da ricercare invece nella sfera psicologica e fisica (stress, stanchezza, mancanza di desiderio, ecc…). Ci sono poi motivazioni di tipo ormonale. In questo caso la causa principale della mancata o insufficiente erezione è una diminuzione del testosterone, un ormone fondamentale per gli uomini.

A seconda della causa, la scelta della cura è diversa e diverso anche l’impatto sull’uomo. Quelle che seguono sono invece 6 chiavi per una avere non solo un’erezione più duratura, ma anche una migliore vita sessuale a 360 gradi.

Le 6 chiavi per avere un’erezione più duratura

come avere un erezione piu duratura1. Perdere peso

Avere un peso idoneo è una delle chiavi per eliminare l’eccesso di estrogeni e di conseguenza aumentare la vita sessuale di tutti gli uomini. Ci sono studi che dimostrano che buona parte degli uomini obesi sofferenti di disfunzione erettile, dimagrendo riuscivano ad avere un’erezione più duratura.

Per perdere peso non è necessario fare diete drastiche che indeboliscono l’organismo (e possono dare l’effetto opposto a quello ricercato). Serve un regime alimentare studiato appositamente per le esigenze dell’uomo. Consigliamo di rivolgersi a un nutrizionista che saprà bilanciare bene tutti i macro-nutrienti necessari per vivere bene.

2. Mangiare cioccolato fondente

Uno studio realizzato dall’Università della California ha dimostrato che il cioccolato fondente, contenendo flavoinoidi e favorendo la dilatazione delle arterie, può aiutare in maniera gustosa chi ha problemi di erezione e vuole mantenerla più a lungo.

3. Usare antiossidanti

I frutti di bosco come le more, mirtilli e bacche di sambuco, contengono alti livelli di antocianine, ossia antiossidanti particolarmente utili per aumentare la libido e migliorare le prestazioni sessuali dell’uomo (e anche della donna!).

4. Esercizi di Kegel

Questa volta è uno studio effettuato dall’università di Bristol, in Inghilterra che ci porta una soluzione per un’erezione più duratura. Sono esercizi pelvici che favoriscono i muscoli di questa zona, dando il potere di un miglior controllo delle erezioni.

5. Ossido Nitrico

Ci spostiamo di nuovo di continente, per andare all’università di Boston. Qui è stato dimostrato che l’ossido nitrico è una delle sostanze chiave per correggere eventuali danni alle vene nella zona del pene. Si può ottenere con l’esercizio, un buon riposo e alcuni alimenti come le noci, le mandorle, gli agli, ecc…

6. Fare meditazione e yoga

Non c’è niente di meglio che riuscire a rilassarsi e concentrarsi con la meditazione e lo yoga. Entrambe le pratiche sono usate da moltissime popolazioni non solo per avere un’erezione più duratura, ma per far funzionare tutto l’organismo nel migliore dei modi. Seguire un corso e poi pian piano trovare il modo di meditare tutti i giorni è un consiglio molto buono non solo per gli uomini, ma anche per le loro partner. Farlo insieme può essere un modo di controllare i propri istinti fino al momento di fare sesso.

15 rimedi casalinghi contro l’impotenza sessuale

L’impotenza sessuale, o più correttamente definita, la disfunzione erettile, è l’incapacità di avere una normale erezione o non riuscire a mantenerla per il tempo sufficiente a un rapporto sessuale.

Per il suo piccolo problema di autostima la soluzione é Titan Gel.

Spesso gli uomini che ne soffrono maggiormente sono quelli che soffrono di ansia, anche se dopo una certa età, una delle principali cause di questa disfunzione sono i problemi vascolari. Individuare la ragione per cui si soffre di impotenza è fondamentale per trovare il rimedio adeguato. Ciò nonostante, i piccoli 15 rimedi che seguono possono aiutare chiunque soffre ripetutamente di questo problema. Scegli il tuo o i tuoi rimedi preferiti!impotenza sessuale

Rimedi popolari contro l’impotenza

  1. Mangiare avena, sopratutto mescolata a sesamo e yogurt.
  2. Assumere ginseng, anche se con cautela perché in alcuni casi può interagire con alcuni medicinali e alzare la pressione.
  3. Bere cioccolata in tazza con cannella e noce moscata, senza ovviamente esagerare con le quantità, visto che è calorica.
  4. Consumare la zuppa di orzo, da mangiare almeno 3 volte a settimana.
  5. Mangiare 1 spicchio d’aglio al giorno con una fetta di pomodoro.
  6. Bere una tisana di semi di fieno greco, preparata con 2 cucchiaia di semi e assunta una volta al giorno.
  7. Mangiare un’insalata con erba medica che ha effetti ricostituenti.
  8. Bere una tisana al basilico, da bere due o tre volte al giorno. È un afrodisiaco oltre a un rimedio all’impotenza.
  9. Bere una tisana al ginseng, preparata facendo bollire 1 litro di acqua con 3/5 grammi di radice di ginseng, per 5 minuti.
  10. Assumere santoreggia montana sotto forma di tisana, facendo bollire in un litro di acqua 1/3 di cucchiaio di rosmarino e 1 cucchiaio di santoreggia. Da assumere insieme al miele tutti i giorni per almeno 40 giorni.
  11. Mescolare in parti uguali la santoreggia montana, la menta e la cannella e usare 2 cucchiai di questa miscela ogni mezzo litro portato a bollore per 5 minuti. Da filtrare e bere durante la giornata.
  12. Bere una tisana a base di carlina preparata con un cucchiaino di carlina, lasciata in infusione in una tazza di acqua per 5 minuti, senza superare le quantità.
  13. Bere una tazza di semi di canapa fatti bollire in una tazza di latte per cinque minuti, per 3 volte al giorno.
  14. Far bollire gli stimmi di zafferano (circa 0,5 grammi) in un litro di acqua, per 5 minuti. Due tazze al giorno sono state segnalate anche da studi come un buon rimedio all’impotenza.
  15. Far bollire 40 grammi di foglie di ginkgo in un litro di acqua per circa un’ora. Dopo avere filtrato la tisana, se ne possono bollire 3 tazze al giorno lontano dai pasti. Utile anche per capillari fragili, gonfiore, stati di depressione, scarsa memoria e altri disturbi di varia origine.

Ulteriori consigli per combattere l’impotenza sessualeimpotenza sessuale maschile

  • Lavati con l’acqua fredda. La regione pelvica controlla i nervi degli organi genitali e usando l’acqua fredda si stimola la zona. Si consiglia di farlo per 10 minuti la mattina o il pomeriggio.
  • Parlane con la tua partner. Non avere paura, la sincerità è un buon modo affrontare con maturità il problema e per trovare insieme la soluzione.
  • Non bere alcol in eccesso. Anche se apparentemente l’alcol disinibisce, in realtà crea situazioni sia psicologiche che fisiche che portano all’impotenza.
  • Mangia in maniera corretta. Anche se può sembrare strano, l’alimentazione può essere la soluzione e anche la causa a molti problemi. Evita soprattutto di mangiare cose raffinate e troppo elaborate.
  • Fai sport. Muoversi e riuscire a farlo con piacere, è un allenamento per restare in forma anche dal punto di vista emotivo. È uno sfogo, oltre che a un divertimento quindi trova il modo di dedicare del tempo per praticarne uno.
  • Impara a prenderti una pausa. Lavoro e famiglia sono impegnativi. Lo stress è nemico della salute in generale e non causa solo l’impotenza sessuale. Quindi prima che sia troppo tardi, impara a ritagliarti i tuoi spazi. Deve essere un obbligo nei tuoi confronti.

Cos’è la disfunzione erettile e quali sono le sue cause?

Per quanto il termine possa fare paura, non temere, la disfunzione erettile nella maggior parte dei casi è temporanea e perfettamente curabile. Con questo termine si intende l’incapacità di avere o mantenere sufficientemente il pene in erezione, tale da impedire un rapporto sessuale. Può succedere a tutti gli uomini e non deve spaventare. La cosa essenziale però, è scoprire cosa l’ha originata, perché solo così sarà possibile trovare la giusta soluzione, che a volte può essere anche solo il riposo.

Quindi non fermarti al problema, deprimendoti e cercando strane pillole blu che ti aiutino, ma cerca di andare a fondo per scoprire la causa della tua disfunzione erettile, anche leggendo questo nostro articolo che approfondisce proprio questo aspetto.disfunzione erettile

Le cause della disfunzione erettile

La disfunzione erettile può essere provocata da qualsiasi alterazione dei meccanismi che permettono l’erezione (problemi psicologici o neurologici, desiderio sessuale, problemi vascolari, ecc…). Tali cause possono essere individuate subito, ma può anche volerci del tempo, a seconda di dove ha origine il disturbo. Vediamo qui di seguito quali sono le principali cause:

  • La causa principale: la disfunzione endoteliale
  • L’endotelio vascolare è composto dalle cellule che coprono i vasi sanguigni e che hanno svariate funzioni. Se questo tessuto si danneggia si possono avere varie malattie come la pressione arteriosa, l’arteriosclerosi, la trombosi, la vasculite, ecc…
  • L’endotelio vascolare inoltre emette ossido nitrico, un forte vasodilatatore che quando diminuisce provoca tra le altre cose la disfunzione erettile. Questo è dovuto soprattutto ad un malfunzionamento e all’ostruzione dei vasi sanguigni. Il sangue non circola come deve verso il pene impedendo così l’erezione.
  • Le arterie del pene sono più piccole di quelle coronarie e si ostruiscono con più facilità. La disfunzione erettile può essere un campanello di allarme per un futuro problema di malattie cardiovascolari, quindi per questo è bene approfondire e non fermarsi a comprare una pillola!

Le altre cause della disfunzione erettile

La cause vascolari sono la principale motivazione per cui non si riesce ad avere o a mantenere una corretta erezione. Le altre cause, che sono sempre piuttosto comuni (alcune più di altre) sono:

  • il diabete (troppo zuccheri nel sangue provocano squilibri);
  • i medicinali (leggendo il foglietto illustrativo potrai verificare se un medicinale assunto può essere la causa dei tuoi problemi e decidere con il tuo medico se sostituirlo);
  • problemi neurologici (di vario genere, sia lievi che pesanti);
  • trattamenti e traumi invasivi (come radio e chemioterapia o colpi subiti);
  • motivi endocrinologi (soprattutto la carenza di testosterone);
  • motivi psicologici (stress, mancanza di desiderio, insoddisfazione, depressione).

Le soluzioni alla disfunzione erettile

disfunzione erettileCome accennato inizialmente, le soluzioni ci sono per tutti i casi e non bisogna disperare. A tutte le età può succedere e per chiunque è un trauma. Con piccoli accorgimenti però si possono cambiare le cose, anche in maniera sorprendente. A volte può essere sufficiente un cambiamento alimentare, un integrazione naturale di qualche prodotto, o anche solo un periodo di relax, soprattutto quando l’origine della disfunzione è lo stress.

Evitare di prendere cure che funzionano da cerotto deve essere una priorità, visto che queste potrebbero portare ad altri problemi, anche più seri di una “semplice” mancata erezione.

Il viagra, tanto per nominare un metodo considerato utile per ritrovare la virilità maschile, ha degli effetti collaterali ben noti che portano alle malattie che fino ad ora sono state ritenute le cause della disfunzione erettile. Quindi si rischia di entrare in uno spiacevole e pericolo giro vizioso.

Esistono erbe e integratori che vanno a stimolare la produzione di testosterone e quindi risolvono eventuali problemi ormonali. Il testosterone può anche migliorare la prestazione sessuale, la durata e quindi i problemi che a volte sono conseguenti alla disfunzione erettile.

Come ingrandire il pene velocemente e in maniera efficace

Non sono solo i ragazzi ad avere la fissazione di un membro grande. Gli uomini di tutte le età cercando prima o poi vogliono sapere come ingrandire il pene in un modo o in un altro. Le ragioni possono essere molteplici. Esistono uomini che hanno davvero un problema di dimensioni, e per questo soffrono di una vita sessuale poco soddisfacente. Altri uomini invece hanno un pene nella norma, ma non si sentono comunque soddisfatti e vorrebbero vederlo crescere di un paio di centimetri in più.

Tutti abbiamo sentito dire che le dimensioni non contano, ma diciamo la verità, se ci si sente insoddisfatti del proprio pene, per forza di cosa un rapporto non sarà soddisfacente e questo avrà un impatto negativo nella coppia. Come ingrandire il pene

Chi cerca come ingrandire il pene trova varie soluzioni…

La verità è che molti uomini che cercano metodi per ingrandire il loro membro, sono disposti a provare le svariate differenti soluzioni, che si trovano sia online (quindi casalinghe) che per vie chirurgiche. E non sono solo uomini “normali” che non hanno grandi disponibilità economiche, ma anche persone benestanti che vogliono scoprire una volta per tutte come ingrandire il pene senza dare troppo nell’occhio.

Gli uomini non sono gli unici che vogliono ricorrere a stratagemmi di ingrandimenti. Che dire infatti delle donne che vogliono aumentare le taglie del seno? Nemmeno un uomo dovrebbe essere giudicato per volersi migliorare. L’unica raccomandazione, è di farlo con la testa, perché i rischi ci sono e non sono pochi…

I rischi in cui si può cadere

Alla fine quindi, non è così difficile scoprire come ingrandire il pene. Il fatto è che si rischiano diversi problemi, una volta trovati i rimedi al nostro problema!

Ecco cosa può succedere se non si fa attenzione nella scelta del metodo giusto per ingrandire il membro si:

  • perdono soldi
  • irrita la pelle della zona
  • perde la sensibilità al pene
  • compromettono le funzionalità del pene
  • subiscono umiliazioni

Quindi c’è o non c’è una soluzione per chi vuole aumentare la dimensione del proprio pene? Sì, ne esistono diverse, solo che tutte hanno pro e contro.

L’operazione chirurgica è quella che più sicuramente da risultati in termini di centimetri, ma è anche quella che può portare a danni vascolari o problemi nelle funzioni del pene.

I vari prodotti che si acquistano su internet invece possono essere validi come anche essere delle truffe (come anticipato).

Arriviamo al dunque. La soluzione più conveniente per chi cerca come ingrandire il pene è… te lo diciamo nel prossimo paragrafo!

La soluzione definitiva per chi vuole sapere come ingrandire il penecome ingredire il pene naturalemente

A dire il vero non è una soluzione unica, ossia è una soluzione data da una serie di metodi validi per allungare il pene. La prima cosa da fare è scegliere una crema naturale che non contenga ormoni in forma chimica, ma che aiuti la produzione naturale degli stessi. Ultimamente si parla spesso di Titan Gel e molti uomini la consigliano perché efficace anche nel migliorare le prestazioni sessuali maschili.

Una volta trovata la giusta crema, sarà necessario applicarla con alcuni massaggi e fare degli esercizi appositi. In questo modo si ottiene il doppio dell’efficacia e diventa anche un momento piacevole per prendersi cura di se stessi.

L’ultima parte utile a chi cerca come ingrandire il pene riguarda l’alimentazione. Mangiare in maniera sana è utile a migliorare il funzionamento del proprio organismo in tutti i sensi. Inoltre alcuni alimenti aiutano ad alleviare lo stress oltre a migliorare la circolazione sanguigna (come per esempio il cioccolato fondente) e con questa migliora anche l’elasticità e l’erezione del pene.

Dimensione e allungamento pene – la chirurgia è l’unica soluzione?

Tutti gli uomini prima o poi sperimentano un’insoddisfazione per la dimensione del proprio membro e pensano all’allungamento del pene. Spesso rimangono idee che non hanno motivi veri per cercare una soluzione. Ci sono invece uomini che arrivano a sentirsi profondamente in ansia per questo fatto, ne vengono travolti e ossessionati e devono trovare una soluzione in tutti i modi.

Non riescono più ad avere rapporti tranquilli, smettono di fare sport per evitare di fare la doccia con altre persone ed evitano tutte le situazioni in cui possono trovarsi davanti ai membri di altri uomini per non sentirsi inferiori.Allungamento pene

In questi casi oltre ad eventuali rimedi naturali, può essere necessario un allungamento pene chirurgico, ma è bene sempre seguire prima una consulenza psicologica di supporto, visto che la situazione crea vera e propria ansia.

I problemi della sovrastima delle dimensioni

È facile cadere in errore quando si parla di dimensioni del pene. Si perché gli uomini sono divisi in due gruppi. Da una parte ci sono quelli che hanno il membro piccolo a riposo, ma così elastico da allungarsi molto durante l’erezione. Dall’altra parte ci sono gli uomini che hanno una buona dimensione a riposo, quindi sembra che da eretti possano arrivare a una grandezza enorme, ma che invece sono meno elastici e diventano solo più duri e non più grandi. Questo fa parte della normalità, ma chi si vede “inferiore” nella fase a riposo può pensare di essere inferiore in tutti i sensi.

L’allungamento pene viene anche preso spesso in considerazione per i numeri che circolano fra gli uomini. Nonostante infatti si dica che la normalità di un pene sia tra i 15 e i 20 cm, da studi recenti sembra che la media sia più facilmente al di sotto dei 14 cm da eretto. Sono pochi gli uomini che chiedono al medico informazioni a questo proposito, altrimenti scoprirebbero che è una cosa comune.

Allungamento pene, quando è necessario un intervento?allungamento del pene

Non esiste una vera e propria misura sotto la quale sia giusto pensare all’allungamento pene chirurgico. Nonostante questo, le operazioni chirurgiche sono di solito consigliate a chi ha una lunghezza del pene inferiore ai 4 cm a riposo e 7 cm in erezione.

Ci sono però anche tutti i casi in cui un uomo non è soddisfatto in nessun caso del proprio membro e quindi benché sia nella media, pensa ad un intervento di allungamento pene. Prima di arrivare ad operarsi però, esistono altri rimedi meno invasivi che possono dare dei buoni risultati.

Trattamenti non chirurgici di allungamento pene

Praticamente da sempre l’uomo ha cercato soluzioni per l’allungamento del proprio membro. Proprio per questo le soluzioni e i rimedi di vario genere sono molteplici. Tra le tante opzioni  disponibili bisogna però riuscire a distinguere le truffe dai veri metodi efficaci, perché ci sono tante persone senza scrupoli che lucrano su un illusione così tanto ricercata dall’uomo. Inoltre, chi si rivolge a personaggi sospetti rimanendo truffato, molto spesso per vergogna non denuncia nemmeno il torto subito e questi soggetti continuano a lucrare e illudere migliaia di persone nel mondo.

Tra i rimedi non chirurgici più comuni ci sono i seguenti:

  • Lo stiramento del pene per trazione
  • I dispositivi elettrici o magnetici che stimolano la crescita del membro
  • Le terapie ormonali a base di testosterone
  • Le tisane e gli integratori a base di erbe

Per riuscire a capire quale può essere davvero efficace la migliore cosa da fare è leggere e studiare le varie tecniche e soprattutto le esperienze online che si trovano al riguardo. Questo servirà anche ad evitare fregature che, nella maggior parte dei casi, possono essere pubblicate in maniera anonima, ma almeno sono presenti.

Su una cosa si può essere certi: rimedi di allungamento pene miracolosi o istantanei non chirurgici non esistono, quindi non cercarli è il giusto modo di prevenire fregature e illusioni.

Dimensioni pene: scopri le misure standard e cosa vogliono le donne

Dimensioni pene: perché sono così importanti per gli uomini? Da sempre la grandezza del membro maschile è una questione su cui dibattono sia gli uomini che le donne, in ogni popolo del mondo e a qualsiasi età. La frase che più facilmente si usa a questo riguardo è “le dimensioni non contano”, ma è davvero così? Quali sono le misura standard del pene e cosa credono sia meglio le donne per essere soddisfatte sessualmente? Ne parleremo nell’articolo di oggi, in cui ne scopriremo delle belle!dimensioni pene

Dimensioni pene: uno studio interessante (o preoccupante?)

A differenza delle leggende metropolitane che circolano (che parlano di medie tra i 15 e i 20 cm), tra dimensioni pene reali e immaginarie sembra che ci sia una notevole differenza. In uno studio realizzato su 80 uomini infatti, sembra che la grandezza media del pene sia di circa 8,8 cm a ‘riposo’ mentre raggiunge 12,9 cm da ritto. Ci sono altri studi che risollevano però i numeri (e gli animi delle donne). Una ricerca americana ha infatti identificato come lunghezza media del pene i 14,2 cm da eretto. Lo stesso studio ha anche messo in evidenza che, a seconda della stimolazione, la dimensione può essere maggiore o minore (in termini di millimetri, ovviamente).

Un altro studio effettuato in Turchia su 200 individui ha dimostrato che la dimensione del pene flaccido non è relazionata con quella di quando è eretto, quindi non è proporzionale. Dunque non si può stabilire a priori la grandezza del membro eretto. Non ci sono inoltre differenze nemmeno se si parla di età distinte. Passata l’adolescenza infatti, sembra che gli anni non incidono sulle dimensioni del membro degli uomini.

A proposito di dimensioni pene, cosa vogliono le donne?

Restando sugli studi, molte “crudeli” donne hanno dichiarato di non essere soddisfatte delle dimensioni pene del proprio partner.

Questo sembrerebbe confermato da un altro studio pubblicato a novembre 2015, effettuato in America su 75 donne. Durante tale studio, alle partecipanti sono stati mostrati 33 modelli diversi di peni in 3D ed esse dovevano scegliere la dimensione preferita.

Le dimensioni pene preferite andavano dai 10 ai 22 centimetri di lunghezza e dai 6 fino ai 18 cm di circonferenza. Il colore mostrato a tutte, affinché non fossero influenzate dalla razza, era blu.

La particolarità è che questa scelta ha avuto risposte diverse a seconda della relazione per cui veniva scelta la dimensione del membro. Per una relazione fissa, il pene in media scelto era di 16 cm di lunghezza e 12 di circonferenza. Per le scappatelle di una notte e via, le dimensioni erano (pur se di poco) più grandi.

Dimensioni pene: cambiare si può!che è la dimensione del pene

Le dimensioni a quanto pare sì che contano, ma questo non vuol dire che siano però davvero essenziali in un rapporto sessuale. Possono comunque migliorare la qualità e il tipo di piacere, quindi può essere legittimo pensare di cambiare le cose. Tutto però a patto di non rischiare la salute.

Oggi giorno i rimedi per far sì che le dimensioni pene non siano più un problema ci sono. Si va dai gel per allungarlo, fino agli interventi chirurgici. Nella maggior parte dei casi non servono operazioni, ma semplici creme da applicare con esercizi e massaggi per riuscire ad avere centimetri in più.

Un’interessante alternativa è senza effetti collaterali è Titan Gel.

Se anche tu sei ossessionato e pensi di avere un problema di dimensione, questo articolo magari ti ha aiutato a capire che è un “male comune” e che probabilmente non tutti sono così ben dotati come vogliono farti credere. Detto questo, il modo per migliorare la tua situazione esiste. Quindi non disperarti e cerca la soluzione naturale più giusta per te.